Teatro e filosofia

Genealogia di una città

Ci sono molti elementi nella filosofia di Platone che rimandano ad una scena, all’allestimento di una scena. Il primo tra questi è la sua forma dialogica, ed è guardando a questo che un noto studioso dell’antichità l’ha definita teatro delle idee. In quello della Repubblica Platone disegna una città e nel farlo disegna un mondo. In dieci libri Socrate e i suoi amici costruiscono la kallípolis, la bella città, allestiscono la scena di un’altra politica, quella in cui trovano posto domande sulla giustizia e sull’ingiustizia, sull’educazione dell’anima e del corpo, sui governanti, sulla massima conoscenza, sulla poesia e sul destino.

La sezione di filosofia di LUSTRI è un esperimento di nuova condivisione di questo allestimento: parteciparvi significherà entrare in un’agora in cui la lettura del testo si affiancherà alla sua interpretazione, significherà vedere muoversi l’argomentazione socratica, seguire passo dopo passo la nascita di un luogo nuovo. Un libro per ogni incontro in cui prendere appunti sulla perfezione, perché la città giusta non è un’utopia, è un modello, e per Platone il modello è la vera realtà.

Lidia Palumbo e Piera De Piano

Lustri
Torna su